Home / Sport / Programma di allenamento con cyclette
allenamento cyclette

Programma di allenamento con cyclette

La cyclette è un sistema ideale per allenarsi a casa e per rimettersi in forma in modo relativamente veloce: bastano quaranta minuti al giorno per quattro giorni la settimana, senza dover uscire di casa e potendo ascoltare la propria musica preferita. Paradossalmente, questi pregi della cyclette nascondono un problema: l’impegno può risultare per alcuni particolarmente difficile perché viene preso soltanto con se stessi, senza nessun obbligo e nessun controllo. Prima dei polpacci e dei quadricipiti, il muscolo che l’uso della cyclette ci aiuta a sviluppare è la nostra volontà.



Pedalare regolarmente evita l’ipertensione, previene le malattie cardiovascolari, fa bene all’apparato respiratorio, ed è un esercizio indicato anche per chi soffre di artrosi. Inoltre, se unito ad un sano regime alimentare, aiuta a perdere peso. Ma il programma di allenamento va pianificato con attenzione.

Nel primo mese procederemo a ritmo inizialmente blando, da aumentare gradualmente. A partire dal secondo mese, ogni sessione di allenamento prevede quattro fasi, di cui la prima è un riscaldamento di cinque minuti con pedalata lenta, la seconda una graduale accelerazione di quindici minuti, la terza mantiene la massima velocità per altri quindici minuti, la quarta è un defaticamento di cinque minuti con pedalata che va via via rallentando. Quello indicato è un allenamento standard, che va modulato individualmente, per durata e per intensità, secondo le proprie condizioni di salute. La sensazione giusta è quella di faticare comodamente.

Anche la postura deve essere regolata in modo attento e oculato: sarà necessario sistemare il sellino in modo tale che la gamba possa distendersi quasi del tutto, tenere il busto leggermente inclinato in avanti con le mani appoggiate sul manubrio, tenere i piedi ben appoggiati sui pedali e regolare il ritmo della pedalata in base alla frequenza cardiaca. Quest’ultimo è un punto di grande delicatezza ed importanza: occorre innanzitutto conoscere la propria frequenza cardiaca massima, che un calcolo elementare indica approssimativamente in (220 – età in anni): dunque vent’anni 200 pulsazioni, quarant’anni 180, sessant’anni 160 e così via. Ma attenzione! La frequenza massima è un valore che non si deve mai raggiungere: bisogna mantenere il battito intorno al 70% di tale frequenza, dunque a vent’anni 140 pulsazioni, a quaranta 126, a sessanta 112. Sapete qual è l’ora migliore per allenarsi? La mattina prima di colazione, quando il metabolismo è più alto.

Ricordiamo infine l’antico detto ‘mens sana in corpore sano’: la pratica costante della cyclette ci aiuterà a pensare meglio, e a stare meglio con noi stessi e con gli altri.

Credits Immagine: KMJ at the German language Wikipedia [GFDL or CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

About Redazione

Check Also

budo

Combattimenti a mani nude e con spade giapponesi: il successo dell’Italia ai Mondiali di Yoseikan Budo

Il successo dell’Italia dello Yoseikan Budo ai Mondiali di Tunisi L’Italia dello Yoseikan Budo torna ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *