Home / Sport / Dimagrire camminando

Dimagrire camminando

Come dimagrire camminando

State seriamente pensando di rimettervi in forma, e per farlo vorreste associare del sano esercizio fisico alla dieta, ma siete troppo pigri oppure fuori allenamento per correre?
Non disperate! Lo sapevate che si può dimagrire anche camminando? Vediamo insieme come.
Per bruciare più calorie, ottenendo un dimagrimento più efficace occorre camminare più velocemente; tuttavia ciò non significa fare passi più lunghi anzi, al contrario, camminare lavorando su passi brevi ma veloci aiuta a mantenere l’andatura costante senza incorrere il rischio di perdere l’ equilibrio.
Allenarsi camminando in compagnia, rappresenta un’ottima strategia per vincere la pigrizia e la monotonia che, è fisiologico, potrebbe subentrare dopo le prime settimane. Se il vostro compagno d’allenamento poi cammina più velocemente di voi, è perfetto: vi servirà da stimolo ad intensificare l’andatura, per mantenere il suo passo.
Se si è da soli, invece, può essere efficace in ottica motivazionale allenarsi e camminare ascoltando della musica, meglio ancora se si sceglie playlist energiche e grintose, contribuiranno a darvi il giusto slancio.

Dimagrire camminando programma

Se si vuole andare oltre i consigli pratici fin qui elargiti, può risultare utile stilare un proprio programma di allineamento. Per fare ciò, però, è opportuno conoscere la propria frequenza cardiaca.
Si tratta di un dato estremamente soggettivo che varia in funzione di molteplici fattori, primo tra tutti l’età. Per determinarla basta effettuare un semplice calcolo matematico, sottraendo alla costante 220 la propria età anagrafica.
Il valore ottenuto rappresenta la frequenza alla quale sarebbe opportuno allenarsi e che, se non si è atleti professionisti, è impossibile da mantenere per più di un paio di minuti.
Però conoscerla è fondamentale per stabilire degli intervalli di allenamento compresi tra il 60% (sforzo minimo) ed il 90% (sforzo massimo di tale valore).
Ovviamente, per rispettare al meglio tali intervalli, specialmente se siete davvero motivati a praticare la corsa costantemente, sarebbe opportuno disporre di un cardiofrequenzimetro da portare con voi durante l’allenamento.
Prima di iniziare è sempre bene praticare dello stretching, per riscaldare i muscoli; stessa cosa dicasi al termine, questa volta per agevolare il raffreddamento.
A tal punto si può iniziare a lavorare sul suddetto 19alternando, ad esempio, 60 secondi di camminata a passo svelto e 60 a passo più moderato nei primi 5 minuti di allenamento.
Se decidete di prolungare la camminata, al crescere del minutaggio potete provare a variare tale alternanza, passando ad esempio a 30 secondi di camminata veloce e 30 a passo moderato, seguiti poi da 5 minuti camminati lentamente.
L’importante è non esagerare, specialmente all’inizio se non si è allenati nel modo giusto. Ascoltate e rispettate i segnali che vi manda il vostro corpo finché, con la costanza, non acquisirà una maggiore resistenza.

About Redazione

Check Also

cardiofrequenzimetro da polso

Miglior cardiofrequenzimetro da polso

Qual è il miglior cardiofrequenzimetro da polso? Non è facile rispondere in maniera palese ad ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *