Home / Salute / Utero antiverso, retroflesso e retroverso

Utero antiverso, retroflesso e retroverso

L’utero è quell’organo appartenente all’apparato genitale femminile a cui è affidata la funzione di accogliere la cellula uovo fecondata, e di favorire l’espulsione del feto durante il parto. È impari e cavo, e posto al centro della piccola pelvi. La sua struttura, simile a quella di una pera rovesciata, è comunemente suddivisa in due porzioni: il corpo dell’utero, che è la parte superiore, ed il collo dell’utero che è la parte inferiore.
In condizioni normali, l’utero assume una posizione antiversa.

Cosa significa utero antiverso?

L’utero presenta una posizione antiversa quando il collo forma con l’asse della vagina un angolo di circa 90 gradi, aperto in direzione dell’addome. Questa è la condizione di normalità dell’utero; in sostanza, un utero che non presenta anomalie è un utero antiverso.

Tuttavia, vi sono molti casi di donne che presentano uteri posizionati in modo diverso; esistono infatti anche uteri retroflessi e retroversi. Si tratta di anomalie, che consistono nell’errato posizionamento dell’utero nel corpo della donna.

Utero retroverso e retroflesso

L’utero retroverso presenta una inclinazione errata; infatti, anziché essere piegato verso l’addome, come dovrebbe essere in condizioni normali, è flesso verso la colonna vertebrale. L’utero retroflesso è invece posizionato come quello retroverso, ma forma anche un angolo aperto verso la cavità sacrale.
Le cause di queste anomalie possono essere due: congenita, ovvero il difetto è presente già alla nascita, o acquisita. In questo ultimo caso l’anomalia può essere causata da una serie di fattori, tra cui gravidanze difficili, infiammazioni, aborti, talvolta anche tumori.
Se si accusano dei sintomi che potrebbero essere collegati ad una anomalia della posizione dell’utero, è sempre bene parlarne con il proprio ginecologo, il quale potrà facilmente diagnosticate una retroflrssione o una retroversione con una semplice radiografia.
Tuttavia, alcune donne che presentano un utero posizionato in modo errato, non patiscono alcun tipo di dolore o fastidio, e non hanno alcun problema legato alla fertilità o all’attività sessuale. Molte di loro, infatti, potrebbero restare all’oscuro del loro piccolo difetto anche molti anni.

Utero retroverso e retroflesso: i sintomi

La percentuale di casi in cui la retroversione e la retroflessiome creano disagi è, però, piuttosto alta.
I sintomi più comuni legati a questi problemi sono: mestruazioni particolarmente dolorose, dolore durante i rapporti sessuali, tensione addominale ed anche perdite di muco cervicale. Anche in questo caso, però, i ginecologi sconsigliano un intervento. Mentre una volta venivano eseguiti dei veri e propri interventi mirati al tentativo di riposizionare l’utero in modo corretto, oggi giorno i medici preferiscono evitare qualsiasi tipo di intervento se non in casi di sintomatologie veramente gravi che compromettono la qualità di vita della donna che presenta tale anomalia.
In buona parte dei casi, comunque, una donna con utero retroverso o retroflesso può avere figli ed un’attività sessuale nella norma.

About Redazione

Check Also

costola incrinata

Costola incrinata sintomi e cura

La costola incrinata è un problema abbastanza diffuso che se non curato subito e in ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *