Home / Salute / i rischi che corri se sei un fumatore

i rischi che corri se sei un fumatore

Forse, se si cercasse un sinonimo in grado di definire in maniera abbastanza soddisfacente lo stato in cui si trova (più o meno consapevolmente) un fumatore, quello che si avvicinerebbe maggiormente alla realtà sarebbe: schiavitù.



Una schiavitù che imprigiona, sì, ma che uccide, anche, e a volte nemmeno troppo lentamente.
Sono probabilmente miliardi ormai le pagine scritte, fisiche o virtuali, in merito ai danni accertati e presunti causati dal vizio più esteso di sempre, ma nonostante questo non sarebbero mai sufficienti.

E quali sono, dunque, i maggiori rischi cui si va inesorabilmente incontro, se vittime della schiavitù del tabagismo?

In che cosa si traducono i danni provocati al nostro organismo, se siamo accaniti fumatori? I rischi e i danni sono molteplici, ma vale la pena cercare di riassumerli e ricordarli.

Il primo apparato a subire le conseguenze del fumo è indubbiamente quello respiratorio. Il cancro, già di per sé di terribile entità (a livello numerico e di gravità), è solo una delle tante conseguenze.

Le sostanze dannose contenute nel fumo (tra le quali vale la pena di citare il monossido di carbonio, nicotina, ammoniaca, catrame, idrocarburi aromatici e non, ecc…), irritano le vie respiratorie provocando malattie acute e croniche di severa importanza come bronchiti, polmoniti, peggioramento degli stati asmatici, fino ad arrivare al pericolosissimo enfisema polmonare.

Drammatici anche i danni al sistema cardio-circolatorio, che viene letteralmente intasato dalle sostanze inalate:

l’ossigenazione del sangue diminuisce notevolmente, la frequenza cardiaca, invece, aumenta pericolosamente e malattie vascolari o cardiache, ictus e arteriosclerosi fanno progressivamente la loro comparsa, minando l’organismo del fumatore.
Non possono essere sottovalutati nemmeno i rischi legati all’apparato riproduttivo sia maschile sia femminile, con tutte le ulteriori conseguenze che vanno a generarsi.

I veleni aspirati sarebbero, infatti, in grado di intaccare il corretto funzionamento e bilanciamento ormonale nella donna e nell’uomo, ostacolando il normale concepimento per via della sua duplice azione dannosa: sull’endometrio, nel caso della donna; e sulla produzione e composizione del seme maschile. Diversi sono i casi segnalati di impotenza o di disfunzioni erettili associati al fattore di rischio “fumo”.

Senza contare il corollario di disturbi e patologie che vanno a coinvolgere numerosi altri organi e apparati (sì, anche quello gastrointestinale e urinario, ad esempio), costretti a subire le dirette o indirette conseguenze dell’assunzione di sostanze così nocive.

L’intero organismo subisce il contraccolpo di un vizio così subdolo e pericoloso. Preziosi equilibri e precisi funzionamenti vengono alterati, molte volte irrimediabilmente.
Liberarsi da questa schiavitù è un atto d’amore verso il nostro corpo (l’unico a nostra disposizione) e verso la salute di chi ci circonda.

About Marco

Check Also

miele per calmare la tosse

Come calmare la tosse: i rimedi naturali infallibili

I primi freddi e l’arrivo dell’inverno portano con sé i consueti malanni di stagione. Tra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *