Home / Salute / Rimedi per l’eiaculazione: tutto quello che c’è da sapere

Rimedi per l’eiaculazione: tutto quello che c’è da sapere

Eiaculazione precoce o ritardata sono due disturbi di cui, al giorno d’oggi, soffrono diversi uomini: esse fanno parte delle cosiddette disfunzioni erettili e rappresentano un problema le cui cause possono essere psicologiche oppure fisiologiche. Ansia, stress, ma anche prostatite, frenulo corto, problemi vascolari, possono rientrare tra le motivazioni scatenanti: vediamo cos’è l’eiaculazione precoce e l’eiaculazione ritardata quali sono i giusti rimedi per l’eiaculazione.

Prima di definire quali sono – o quali potrebbero essere – i rimedi per l’eiaculazione, è molto importante definire i fattori che possono scatenare il disturbo. Quando si parla di eiaculazione, si fa riferimento al normale processo eiaculatorio che si ha nel momento in cui l’uomo raggiunge l’apice del piacere: se le cose funzionano bene, dal punto di vista fisiologico e sotto il profilo psicologico, l’eiaculazione non rappresenta motivo di pensiero o di stress per l’uomo; se, invece, vi sono alla base dei problemi fisici oppure psicologici, come ad esempio stress, ansia, depressione, e problemi fisici, si può andare incontro alle disfunzioni erettili.

Tra le disfunzioni erettili più comuni vi sono l’eiaculazione precoce e l’eiaculazione ritardata: entrambi questi problemi rappresentano due diverse facce della stessa medaglia, dal momento in cui l’eiaculazione precoce rappresenta il momento di difficoltà a mantenere il rapporto sessuale in tempi ragionevoli, e si eiacula precocemente rispetto alla media, mentre l’eiaculazione ritardata, al contrario, si ha nel momento in cui l’uomo, pur provando molto piacere, non riesce a raggiungere l’orgasmo se non in tempi molto lunghi.

È il caso di dire che i due disturbi, anche laddove nascono da problematiche fisiche e non psicologiche, possono comunque dare dei problemi anche dal punto di vista psichico: perché l’eiaculazione precoce o quella ritardata, in ogni caso, rappresentano un freno per un adeguato e piacevole rapporto sessuale soddisfacente per l’uomo e per la donna. E va da sé che, un uomo che soffre di questi disturbi, rischia di sentirsi inadeguato, tende a limitare il più possibile l’incontro sessuale perché ciò rappresenta per lui motivo di preoccupazione, di ansia e di stress.

Il passo importante è quindi quello di definire le cause che possono provocare quel dato disturbo, e dare così anche ampio spazio ai possibili rimedi per l’eiaculazione: non vergognarsi del proprio medico né della propria compagna, sono i primi passi fondamentali per affrontare nella maniera giusta questo problema. Allo stesso modo esistono una serie di accortezze da attuare nel quotidiano che possono prevenire l’insorgere di tali disturbi ed eliminare il problema alla radice ( per ulteriori informazioni a tal proposito rimandiamo al sito di Wellvit).

Rimedi per l’eiaculazione precoce: quali sono?

Prima di definire quali possono essere i giusti rimedi per l’eiaculazione precoce, bisogna chiarire che è molto importante che vengano affrontate e quindi definite anche le cause di questo disturbo. Infatti, senza aver stabilito da cosa dipende l’eiaculazione precoce nello specifico – e le cose possono cambiare da uomo a uomo e di situazione in situazione – non si può capire esattamente quale sia il problema e non si può, quindi, dare alcun rimedio specifico.
Se si va incontro ad un solo caso isolato, non bisogna immediatamente preoccuparsi: vi possono essere delle cause psicologiche esterne, come la preoccupazione per un test o per un esame, un litigio di coppia, o altre preoccupazioni, che possono essere determinanti nell’andamento di un rapporto intimo. Se però l’eiaculazione precoce è un disturbo che si presenta ad ogni rapporto intimo, allora è il caso di indagare ed in questo caso il primo passo concreto è quello di rivolgersi al proprio medico di fiducia, senza alcuna vergogna, e non dimenticando anche l’importanza della propria compagna che avrà un ruolo fondamentale in questo.

I rimedi per l’eiaculazione precoce possono infatti variare, a seconda che le cause del disturbo siano fisiche oppure psicologiche: nel primo caso, è bene infatti consultare un sessuologo che potrà indicare le giuste terapie farmacologiche che possono contrastare e curare il disturbo; nel secondo caso, una terapia psicologica potrebbe essere la giusta soluzione, ricordando anche l’importanza di gestire il problema anche con l’ausilio della propria compagna.

Rimedi farmacologici, psicologici o naturali, possono essere molto efficaci, ma non dimentichiamo che, nel trattamento dell’eiaculazione precoce, più si è tempestivi, prima si possono ottenere i risultati desiderati.

Rimedi per l’eiaculazione ritardata: come si cura?

Un altro disturbo che fa parte della categoria delle disfunzioni erettili è l’eiaculazione ritardata: questa si ha, a differenza di quanto avviene con l’eiaculazione precoce, quando l’uomo non riesce a raggiungere facilmente l’orgasmo e, per questo motivo, il rapporto intimo si protrae spesso troppo a lungo, provocando delle conseguenze facilmente immaginabili nella coppia.

Infatti, da una parte l’uomo che soffre di questo disturbo si sente frustrato ed in un certo senso anche privato della sua virilità, e paradossalmente, questa sensazione tende anche ad alimentare sempre di più i problemi psicologici che possono essere alla base dell’eiaculazione ritardata. Per questo motivo, è bene che, se l’eiaculazione ritardata è un disturbo che si presenta spesso, ci si rivolga al più presto al proprio medico di fiducia, con il quale affrontare il problema in maniera chiara e determinata.

Anche in questo caso, infatti, i rimedi per l’eiaculazione ritardata possono essere di tipo fisico oppure psicologico, perché l’eiaculazione ritardata non è sempre e solo un disturbo fisico, ma talvolta può avere delle cause psicologiche ed oltretutto le ripercussioni sono sempre di natura psicologica.

Per stabilire la cura, quindi, è importante definire il livello del problema – se il ritardo c’è o se l’eiaculazione è impossibile, per esempio – e chiaramente anche il tipo di causa. Tra le terapie in atto, possiamo ricordare, quindi, i trattamenti farmacologici – che riguardano farmaci di tipo simpatico-mimetico, che stimola il sistema nervoso eccitatorio, e ovviamente anche la terapia psicoterapeutica, che deve avere un approccio di tipo valutativo e riabilitativo per la coppia stessa.

About alp

Check Also

defibrillatore

Defibrillatore DAE, salvare una vita è un gesto prezioso

Non se ne parla mai abbastanza. Eppure la presenza di defibrillatori in più luoghi possibili ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *