Home / Salute / Palpebra gonfia: sintomi, cause e rimedi naturali
palpebra gonfia

Palpebra gonfia: sintomi, cause e rimedi naturali

Quante volte è capitato di svegliarti con le palpebre gonfie e in alcuni casi anche doloranti? I fastidi oculari sono all’ordine del giorno e non vanno assolutamente trascurati. La salute dei nostri occhi è spesso minacciata da virus e batteri, complici anche alcuni errori che spesso commettiamo involontariamente, il più banale fra tutti è quello di toccarci gli occhi con le mani sporche. Gli occhi sono organi molto delicati, spesso esposti al contatto con virus e batteri, ma anche polvere, fumo, sostanze allergizzanti (come ad esempio il trucco). Ecco perché prendersi cura della salute oculare è importante

Il gonfiore alle palpebre può avere diverse cause e può presentarsi in forme diverse, spesso associato ad altri sintomi come dolore, arrossamento, presenza di pus, sensazione di avere un corpo estraneo all’interno. All’insorgere di questi sintomi è importantissimo rivolgersi subito al proprio oculista, in modo da individuare subito le cause che hanno determinato il gonfiore e per  iniziare la cura giusta per guarire velocemente. Vediamo insieme quali possono essere le cause più comuni e i rimedi naturali per alleviare i fastidi provocati dal gonfiore, ricordando sempre che fare diagnosi sul web e seguire cure fai da te è assolutamente sbagliato e che nessun consiglio letto su internet potrà mai sostituirsi al parere di un medico specializzato.

Palpebra gonfia inferiore e superiore: tutti i sintomi

Ci sono naturalmente delle differenze, a volte a gonfiarsi è la palpebra inferiore altre volte la palpebra superiore. A volte si tratta di episodi sporadici, altre volte reiterati nel tempo o cronicizzati. Molto spesso il gonfiore non è l’unico sintomo ma è accompagnato da altre fastidiose manifestazioni come ad esempio:

  • fotofobia o sensibilità alla luce
  • arrossamento
  • dolore
  • lacrimazione
  • presenza di pus o secrezioni giallastre
  • prurito
  • perdita delle ciglia
  • sensazione di corpo estraneo
  • fastidi alla vista
  • bruciore
  • secchezza
  • gonfiore del volto

Palpebra gonfia: le cause principali

Ma quali sono le cause che portano ad avere le palpebre superiori e inferiori gonfie? A volte si tratta di cause localizzate a volte di patologie oculari o può trattarsi di un disturbo sistemico che provoca gonfiore a diversi livelli dell’organismo.

Tra le cause episodiche rientrano le reazioni allergiche o le punture di insetto, molto frequenti in estate. L’allergia può essere a livello locale, causata da cosmetici, creme, polline, polvere; oppure a livello sistemico, come nel caso delle riniti allergiche.

Parlando invece di patologie oculari tra le cause più comuni c’è l’orzaiolo, una infezione batterica alle ghiandole sebacee dell’occhio. Gli orzaioli possono presentarsi sia esternamente che internamente, e oltre al gonfiore possono essere accompagnati da arrossamento, dolore, lacrimazione uniti a una sensazione di corpo estraneo nell’occhio e in alcuni casi anche fotofobia. Quando l’orzaiolo provoca un’ostruzione del canale lacrimale a carico della ghiandola di Meibomio si parla di calazio, questa ostruzione provoca la formazione di una piccola cisti solida.

Tra le cause più comuni va citata sicuramente la congiuntivite che porta a gonfiore, arrossamento, sensibilità alla luce, lacrimazione, a volte prurito (se la congiuntivite è di origine batterica). Un chiaro segno della congiuntivite sono le secrezioni purulente, spesso di colore giallastro tipiche del risveglio. Non è raro infatti svegliarsi con gli occhi appiccicati. C’è da dire che la congiuntivite può essere di due tipi: virale o batterica. Nel primo caso guarirà da sola, nel secondo caso bisognerà fare ricorso ad antibiotici oculari.

La palpebra gonfia può inoltre essere un sintomo di blefarite un’infiammazione causata da un’infezione che causa gonfiore, perdita delle ciglia, prurito, dolore e lacrimazione; a volte è accompagnata da dermatite seborroica.

Un’altra patologia che può causare palpebra gonfia c’è l’herpes oftalmico, causato dal virus herpes zoster, quando colpisce l’occhio può risultare molto fastidioso, causando spesso dolore, edema corneale, fotofobia e iperemia congiuntivale. Assolutamente da non sottovalutare, perché se trascurato può avere altre conseguenze come cataratta, glaucoma, uveite. Inoltre è molto contagioso per cui bisogna prendere le dovute accortezze di igiene personale per non contagiare altre persone e anche per non contagiare altre parti del corpo.

Vanno poi citate la cellulite orbitale e periorbitale. La prima provoca sporgenza del bulbo oculare, difficoltà alla vista e difficoltà alla motilità orbitale. La seconda invece è un’infezione che si sviluppa intorno alla palpebra e non provoca sporgenza o difficoltà visive.

Più gravi sono i casi di trombosi del seno cavernoso, una condizione accompagnata da febbre, mal di testa, sporgenza oculare, difficoltà visive; ed è una complicazione di una infezione ai seni paranasali.

Tra le cause di tipo sistemico citiamo edema generalizzato, ipertiroidismo, ipotiroidismo, scompenso cardiaco, insufficienza epatica, malattia renale cronica etc. Infine anche alcuni farmaci possono causare gonfiore come il brinzolamide o gli ACE-inibitori.

Per stabilire le cause e fare una diagnosi corretta è necessario sottoporsi a una visita medica, durante la quale si dovranno riferire tutti i sintomi associati, se l’occhio ha subito traumi e tutti i dettagli utili alla diagnosi.

Palpebra gonfia i rimedi naturali

camomilla per palpebra gonfia

Non parleremo qui di rimedi e trattamenti medici, perché quelli competono esclusivamente agli specialisti, molto spesso la cura sarà a base di antibiotici e antivirali locali o prodotti antiallergici. Quelli che qui ti proponiamo sono rimedi e consigli generali per non aggravare la situazione e per ottenere un po’ di sollievo dai principali fastidi.

Innanzitutto quando ti trovi in presenza di una palpebra gonfia (o entrambe) evita assolutamente di usare cosmetici sulla palpebra inferiore e superiore, e creme che possono venire a contatto con l”occhio. Evita l’uso delle lenti a contatto fino alla risoluzione del problema. Evita di strofinare gli occhi e di toccarli con le mani sporche.

Per lenire la sensazione di gonfiore puoi applicare degli impacchi freddi. Se la causa non è di origine batterica puoi usare un collirio a base di camomilla o calendula. Se il gonfiore è causato da secchezza oculare puoi utilizzare delle lacrime artificiali.

Uno dei rimedi più apprezzati resta comunque l’impacco freddo a base di camomilla dalle proprietà lenitive e rinfrescanti.

 

About Redazione

Check Also

sistema immunitario

Difese immunitarie basse: che fare?

Possono capitare dei periodi in cui le persone subiscono un calo delle difese immunitarie del ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *