Home / Salute / Mappatura dei nei: in cosa consiste e quando farla
nei

Mappatura dei nei: in cosa consiste e quando farla

La nostra pelle è sicuramente l’organo più esteso del nostro corpo e di conseguenza quello più facilmente ispezionabile. E’ nostro dovere tenerlo sempre sotto controllo per prevenire malattie talvolta anche gravi riguardanti soprattutto i nei, come il melanoma cutaneo.
La familiarità, il fototipo, il numero dei nei e l’esposizione al sole sono tutti fattori a rischio per lo sviluppo di tumori cutanei.
Perché è importante tenere i nei sotto controllo?
I nei sono delle macchie causate da proliferazioni dovute ad un eccesso di melanociti, sono spesso innocue ma talvolta possono presentare delle forme atipiche o nascere in maggiori quantità nella cute; è quindi necessario tenerli sempre sotto controllo attraverso la mappatura dei nei.

In cosa consiste e quando effettuarla.

E’ sconsigliato il giorno della visita l’uso di trucchi e, se possibile, evitare di prenotare la visita se la pelle è troppo abbronzata per scongiurare eventuali alterazioni dei nei durante l’esame strumentale. Inoltre se ci sono stati in famiglia o in passato casi di tumori cutanei è consigliato riferirlo all’esperto.
La mappatura dei nei è una visita in cui il medico dermatologo procede ad una prima visione ad occhio nudo della cute. In questo modo si può inizialmente osservare i nei atipici o considerati a rischio.
In secondo luogo si passa ad un esame più approfondito che richiede l’uso di tecnologie più avanzate: il dermatoscopio e il videomatoscopio digitale.
Con l’uso del dermatoscopio il dermatologo ha una visione diretta della cute essendo una sorta di microscopio dotato di lente, efficace per visionare i nei in maniera ravvicinata. Con questo metodo è inoltre possibile visionare il derma superficiale, ovvero quello strato intermedio che si trova tra l’epidermide e il derma profondo.
Il videomatoscopio digitale consente invece di visionare su uno schermo collegato ad una telecamera le immagini dei nei scattate in precedenza.

Il tempo della visita è di circa una trentina di minuti, alla fine della quale al paziente verrà consegnato un referto e fornite indicazioni necessarie per la prevenzione dei nei a rischio. In questo caso il dermatologo può consigliare al paziente le giuste regole per l’esposizione al sole e le misure di auto-ispezione della cute (asimmetria, bordi, colore, dimensione ed evoluzione).
La visita è completamente indolore e può tranquillamente essere effettuata durante la gravidanza.

Quando fare la visita?

Dopo una prima mappatura dei nei lo specialista consiglierà al paziente ogni quanto effettuarla. Se non sussistono fattori a rischio è probabile che il medico rivisiterà il paziente ogni due-tre anni. Nel caso in cui qualche neo presenta atipicità sarà sicuramente necessario un controllo annuale.

About Redazione

Check Also

apparecchio acustico

Apparecchi acustici: le proposte oggi disponibili in commercio

Chi soffre della perdite dell’udito, detta tecnicamente ipoacusia, manifesta una serie di problematiche, che possono ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *