Home / Salute / Fermenti lattici: quando prenderli?

Fermenti lattici: quando prenderli?

A cosa servono i fermenti lattici

L’intestino è un organo fondamentale nel nostro corpo: infatti, grazie all’azione della flora batterica presente al suo interno, può sintetizzare vitamine, produrre enzimi che aiutano nel processo digestivo, generare sostanze antibiotiche e sviluppare il sistema immunitario. Può capitare, tuttavia, che la flora batterica vada incontro ad alcune problematiche e per aiutarne il completo ripristino, può essere necessario dover ricorrere all’uso di fermenti lattici. Essi, chiamati anche probiotici, altro non sono che microorganismi che vivono normalmente nel nostro intestino e sono conosciuti con questo nome perché il prodotto finale della loro digestione è l’acido lattico. Assumendo tali batteri, andremo a reintegrare quelli che sono stati distrutti a seguito di vari motivi: fra i più comuni va ricordata la disbiosi fermentativa, causata da un consumo eccessivo di carboidrati che fermentano nell’intestino, provocando la morte della flora batterica, e la disbiosi putrefattiva, una conseguenza dell’elevata presenza di grassi e proteine nella nostra alimentazione, che difficilmente vengono ben digerite. Esiste poi anche una disbiosi micotica, dovuta a una crescita eccessiva di funghi e lieviti all’interno del nostro intestino. Per risolvere tutti questi problemi, allora, è consigliabile assumere probiotici specifici dopo ogni pasto.

Fermenti lattici in gravidanza

I fermenti lattici sono, sicuramente, l’unica sostanza che una donna può assumere durante tutti i mesi della gestazione senza dover temere alcun tipo di cattiva conseguenza. Essenziali per il ripristino della flora batterica e per la normale attività intestinale, essi sono fondamentali in questo periodo particolare della vita delle future mamme, le quali andranno incontro a numerosi cambiamenti nel proprio corpo. Come noto, uno dei problemi che più di frequente colpisce le donne in attesa, è la stipsi. A causa della crescita dell’utero, l’intestino vede rallentata la sua funzione e, allo stesso modo, anche la flora batterica risente di tale cambiamento. É pertanto indicato assumere fermenti lattici a base di probiotici (bifido batteri e lattobacilli) che aiutano a regolarizzare l’attività intestinale.

Fermenti lattici per bambini

La flora batterica dei bambini è molto diversa da quella degli adulti: può essere, pertanto, molto utile ricorrere all’utilizzo di fermenti lattici, che aiuteranno il vostro piccolo a superare coliche, aria nell’intestino e altri fastidi. Anche in questo caso, i più indicati sono i lattobacilli e i bifido batteri e possono essere assunti sia sotto forma di gocce che bustine.

About Redazione

Check Also

camminare a piedi

Vendere l’auto per ritrovare la salute

Oggi come oggi, il rischio maggiore per la popolazione italiana è quello di contrarre malattie ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *