Home / Salute / Dermatite da pannolino: come curarla con i rimedi naturali
pannolini

Dermatite da pannolino: come curarla con i rimedi naturali

Quando si parla di dermatite da pannolino, si fa riferimento ad un’infiammazione della pelle responsabile di arrossamenti cutanei fastidiosi e principalmente localizzati su genitali e natiche dei bambini piccoli che portano il pannolino. Essa può sorgere per varie ragioni: ad esempio, tra queste, rientra il ristagno di urine e feci. Si tratta, comunque, di un disturbo di lieve entità che guarisce in pochi giorni e con semplici rimedi.

Dermatite da pannolino: come si manifesta e quali sono le cause

La dermatite da pannolino interessa per lo più la regione inguinale. Essa insorge, in particolare, a carico delle parti convesse e compare, in genere, quando il bambino inizia a restare seduto a lungo, ossia dopo il quinto mese.
Lo sfregamento diretto del pannolino sulla cute, favorito dalla sudorazione e dalla macerazione anche per il ristagno delle urine, rappresenta la principale causa di questo tipo di disturbo. Talvolta, inoltre, il microrganismo infettante è dotato di una particolare aggressività, la quale può anche condurre a lesioni ulcerate e profonde, determinando il quadro dell’ectima gangrenoso.
Anche la variazione dell’alimentazione non è da sottovalutare: infatti, ciò può causare la produzione di feci dalla consistenza diversa dalla solita e irritare, più o meno intensamente, le natiche.
Infine, anche i materiali con cui sono prodotti o trattati i pannolini svolgono un ruolo determinante circa l’insorgenza di tale infezione, soprattutto quando la pelle del bambino risulta essere particolarmente sensibile.

Curare la dermatite da pannolino: rimedi naturali

Vi sono diversi rimedi naturali in grado di alleviare gli arrossamenti e scongiurare l’insorgenza di dermatiti gravi.
Innanzitutto, potrebbe risultare utile lavare l’area più interessata da tale infezione (i particolare, quella inguinale) con acqua tiepida e lasciarla, poi, libera dal pannolino per un po’. Se ripetuta tutti i giorni, questa operazione porterà ad una sensazione di sollievo e di freschezza impedendo la ricomparsa di zone screpolate e secche. Talvolta, si potrebbe pensare anche di spalmare della semplice vaselina dopo il risciacquo (essa, infatti, è capace di creare una barriera protettiva contro l’estensione dei rossori) nonché delle creme a base naturale, come quelle di calendula o di camomilla oppure, ancora, quella all’ossido di zinco (adatta per far diminuire drasticamente la screpolatura).
Un altro rimedio altrettanto semplice è rappresentato dal dar da bere al bambino una consistente quantità d’acqua più volte al giorno (possibilmente quella di sorgente). Ciò viene consigliato al fine di evitare che la sua pipì sia troppo acida così da peggiorare la sua situazione.
Anche l’olio di oliva può venire in soccorso delle mamme in questi casi: delicato ed emolliente, esso va ad alleviare il disturbo in maniera rapida ed efficace.

About Redazione

Check Also

Come ridurre il colesterolo

L’ipercolesterolemia è un problema di salute molto comune nel nostro paese, a dispetto della dieta ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *