Home / Farmaci / Kestine antistaminico: a cosa serve ed effetti collaterali
kestine antistaminico e allergie

Kestine antistaminico: a cosa serve ed effetti collaterali

Kestine antistaminico: a cosa serve

Il Kestine antistaminico è la soluzione più adatta per tutti coloro che soffrono di riniti allergiche o casi di orticaria.
Questo medicinale viene utilizzato quando ci si trova di fronte a casi di raffreddori frequenti, mucose infiammate, starnuti e costante lacrimazione.
Non è però utilizzato solo in caso di allergie ma anche quando si verificano i chiari sintomi da orticaria: chiazze rosse dovute ad ingestione o a contatto con sostanze incriminate.
Il principio attivo di questo medicinale è l’ebastina che risulta il trattamento più efficace per il tipo di sintomatologia presente nelle più diffuse allergie.
Anche alcune congiuntiviti allergiche sono trattate in maniera ottimale con il Kestine antistaminico e la maggior parte dei pazienti che nel tempo hanno cronicizzato i sintomi sono stati poi favorevolmente guariti dopo un costante utilizzo di questo farmaco.

Kestine liofilizzato o in compresse

In commercio ci sono due specifiche confezioni di Kestine che si differenziano tra loro per i milligrammi contenuti e la forma sotto la quale viene commercializzata. In particolar modo è più nota la versione liofilizzata ma sta prendendo sempre più piede anche la versione in compresse.
L’unica differenza sta nella praticità di somministrazione. Nell’ingerire il medicinale liofilizzato bisogna prestare attenzione a non maneggiare il farmaco e a non toccarlo con le dita. Va infatti posizionato direttamente sulla lingua aprendo in maniera sicura la capsula contenitiva e quindi per la complessità dell’operazione a volte risulta poco pratico e veloce.
Nella versione liofilizzata inoltre, è consigliato non assumere liquidi né durante l’ingestione, né in un breve periodo immediatamente successivo.
Le compresse sono invece da intendersi come normali capsule farmaceutiche e spesso vengono scelte per la rapidità di utilizzo.

Effetti collaterali e controindicazioni di Kestine antistaminico

La principale cautela è quella di ricercare particolari allergie o intolleranze al principio attivo del farmaco, ovvero all’ebastina.
Bisogna poi essere molto cauti a somministrare il Kestine a persone con pregresse patologie a carico del fegato e dei reni come le insufficienze epatiche e renali gravi.
Mai utilizzare il farmaco su pazienti di età inferiore ai 12 anni e prestare la massima cautela durante la gravidanza e l’allattamento.
La Kestine è sconsigliata anche ai pazienti affetti da ipopotassemia, ovvero un disturbo che causa una cronica carenza di potassio.
Non ci sono casi gravi di avvelenamento da Kestine ma si può comunque rischiare di subire una lavanda gastrica per scongiurare un ricovero da sovradosaggio.
Alcuni tra gli effetti collaterali più comuni comprendono mal di testa, vertigini, nausea e vomito.

Prezzo di Kestine antistaminico

ll farmaco è interamente rimborsabile dal sistema sanitario nazionale, previo presentazione della ricetta da parte del paziente.
Il prezzo della confezione oscilla dai 10 euro per le dosi più leggere, fino ai 20 euro della versione da 20 mg.

About Redazione

Check Also

maldischiena

Artrosilene schiuma: a cosa serve?

Molto spesso i dolori reumatici e i fastidi causati da traumi, oltre a tutti quegli ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *