Home / Esami del sangue / La fine dei dolori cervicali: cuscini e posizioni per dormire meglio
cuscino

La fine dei dolori cervicali: cuscini e posizioni per dormire meglio

I dolori cervicali sono una problematica molto diffusa. Le sollecitazioni quotidiane alla colonna vertebrale causano questo e mille altri problemi, con dolori che si fanno sentire maggiormente in alcune situazioni di vita comuni. Se il dolore persiste e ci causa anche altri sintomi, come ad esempio mal di testa o difficoltà di movimento degli arti superiori, è di certo il caso di farsi vedere da uno specialista. Quando invece il dolore cervicale è persistente ma non porta ad ulteriori sintomi molto si può fare attraverso il cambiamento delle abitudini quotidiane.

Le cause del dolore cervicale
Spesso il dolore al collo può essere causato da acciacchi temporanei; si pensi ad esempio al colpo di frusta causato da un tamponamento, o al dolore che si percepisce dopo aver svolto particolari attività. In situazioni come queste la miglior cura consiste nell’utilizzare un farmaco antiinfiammatorio e nello stare a riposo, evitando ulteriori sforzi della colonna vertebrale. Per molti invece il dolore cervicale è un compagno con cui si convive ogni giorno, con periodi in cui si fa sentire di più e altri momenti in cui sembra quasi essere scomparso. Nella maggior parte dei casi si tratta di dolore provocato da abitudini scorrette. Si pensi ad esempio a chi svolge un lavoro che lo costringe per molte ore seduto alla scrivania: mantenere una scorretta postura mentre si è seduti può portare a seri problemi a livello cervicale. Lo stesso dicasi per chi trasporta pesi, o a chi svolge attività particolarmente gravose. In tutti questi casi il metodo migliore per curare i dolori cervicali consiste nella ginnastica antalgica. Si tratta di esercizi volti a modificare la postura a cui siamo abituati e a potenziare i muscoli che sorreggono il collo e  le spalle. Questo, a lungo andare, favorisce una postura corretta e porta ad una importante diminuzione del dolore.

Dormire bene
Può capitare che i dolori cervicali siano particolarmente intensi al mattino, quando ci alziamo. Per molte persone oltre che fastidio al collo si può manifestare rigidità alle scapole e alle spalle, con conseguente formicolio agli arti superiori, dalla punta delle dita fino ad arrivare al gomito. Tra le cause principali di questo problemac’è la posizione in cui si dorme e spesso da accusare sono il materasso e i cuscini. Oggi questo tipo di problema si può risolvere con i cuscini B.Pillow; si tratta di cuscini ortopedici professionali, pensati per chi deve recuperare il proprio equilibrio posturale, approfittando anche delle ore di sonno. La forma ergonomica e il materiale pensato per sostenere in modo corretto la testa permettono di riposare in una posizione corretta costantemente nel corso della notte. Al mattino ci si potrà alzare privi di qualsiasi fastidio; questi cuscini sono consigliati anche da osteopati e fisioterapisti, in quanto permettono loro di svolgere al meglio la loro professione, promuovendo una corretta posizione del collo, che favorisce la possibilità di scaricare le tensioni muscolo scheletriche in modo passivo, mentre si dorme.

Favorire la postura con lo stretching
Un piccolo dolore al collo, un’eccessiva tensione delle spalle, un problema a livello lombare; tutte queste problematiche sono spesso correlate non solo alla posizione che manteniamo nel corso della giornata, ma anche allo stress quotidiano dal punto di vista psichico. Per favorire il rilassamento della muscolatura e delle strutture scheletriche conviene spesso praticare delle sedute di stretching. Non si tratta di esercizi gravosi o difficili da svolgere, in molti casi li si può effettuare anche mentre si è al lavoro alla scrivania. Per ottenere maggiori effetti è però importante ripeterli più volte nel corso della settimana, anche ogni giorno.

About Redazione

Check Also

gengivite1

Gengivite, una malattia sottovalutata

La gengivite è una malattia orale spesso sottovalutata fino a quando i sintomi non diventano ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *