Home / Esami del sangue / Gengivite, una malattia sottovalutata
gengivite1

Gengivite, una malattia sottovalutata

La gengivite è una malattia orale spesso sottovalutata fino a quando i sintomi non diventano molto evidenti. A quel punto però, non sempre è possibile recuperare ciò che è compromesso, per cui ci si deve necessariamente preoccupare di questa patologia fin dai suoi esordi, anzi, ancora meglio, facendo una corretta prevenzione. Dalla gengivite alla parodontite il passo è molto breve e in tal caso, recuperare il dente, può diventare molto difficile. Vediamo allora come si previene e come si cura la gengivite.

Gengivite, di cosa si tratta

Per poter prevenire o comunque curare la gengivite, dobbiamo prima sapere di cosa si tratta. La gengivite, almeno al suo esordio, è una patologi delle gengive che si può assolutamente curare. In buona sostanza si tratta dell’infiammazione delle gengive causata da batteri. Se l’igiene orale non è sempre perfetta, si forma la placca, a causa dei residui di cibo non ben asportati. Questa si calcifica in tartaro che, assieme ai batteri, minano la struttura gengivale e di conseguenza la stabilità del dente.

Infatti, se l’infezione si estende al parodonto, anche un dente sano può essere compromesso irrimediabilmente e cadere. Il problema è che non ci sono sintomi molto evidenti, e i pochi che ci sono vengono sovente trascurati. La causa della gengivite però può essere anche di natura traumatica, quindi uno spazzolamento eccessivamente vigoroso, fumo, sbalzi ormonali.

Come si cura la gengivite

gengivite2Le cure per la gengivite dipendono dallo stadio di avanzamento della malattia. Intanto si dovrebbero eliminare i fattori di rischio quali appunto il fumo di sigaretta. Una volta che però il tartaro ha iniziato a formarsi e le gengive risultano irritate e sanguinanti, ci si deve recare dal dentista. Questi eseguirà un curettage, ovvero, con uno strumento a uncino che si chiama curette, andrà a eliminare meccanicamente il tartaro dal colletto dentale. Si tratta di un’operazione molto fastidiosa, ma non dolorosa.

Una volta rimosso il tartaro, se il dente non è compromesso, le gengive guariscono e la situazione ritorna alla norma senza ulteriori problematiche. In concomitanza al curettage può essere eseguito anche lo sbiancamento dei denti che consente di ridonare lucentezza e candore allo smalto dentale.

Fare prevenzione è fondamentale

Fare prevenzione è fondamentale. Non ci si può rilassare pensando che tanto poi si va dal dentista, la salute delle gengive inizia da casa propria. Quindi cosa si deve fare? Sicuramente ci si deve spazzolare i denti nel modo corretto ogni volta che si consuma del cibo o si beve una bevanda zuccherata. Ovviamente l’assunzione di queste ultime andrebbe limitata così come il consumo di caramelle e gomme da masticare.

About alp

Check Also

alloro

Alloro: tutte le proprietà benefiche per l’organismo

Desiderate un rimedio naturale efficace, capace di sconfiggere alcuni disturbi divenuti comuni al giorno d’oggi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *