Home / Benessere / Sale rosa dell’Himalaya perché usarlo?

Sale rosa dell’Himalaya perché usarlo?

L’oro bianco“: così è definito il sale rosa dell’Himalaya. Un prodotto che è molto differente dal classico sale da cucina che usiamo ogni giorno: quest’ultimo proviene dalle acque di mari e oceani, ahimè assai inquinati. Il sale rosa dell’Himalaya è una preziosissima risorsa di origine fossile caratterizzata dalla purezza: non è raffinato e, quando viene estratto, lo si trova allo stato in cui si è adagiato al suolo millenni prima. Viene lavato per eliminare residui e polveri e poi macinato per la vendita, senza che venga sbiancato e intaccato da sostanze inquinanti contaminanti.
Il sale rosa dell’Himalaya ha naturalmente lo iodio, non in quantità eccessive, ed è facilmente assimilabile dall’intestino. Contiene più di ottanta sali minerali, tra cui il ferro, che dona il colore rosato al sale, il potassio, il calcio, lo zinco, il rame e antiossidanti.

Sale rosa dell’Himalaya: proprietà e benefici

Il sale rosa dell’Himalaya è una vera panacea per la salute dell’uomo. Tra le sue molteplici proprietà:

  • Limita la ritenzione idrica e l’ipertensione, per le quantità limitate di cloruro di sodio, contrastando quindi la cellulite.
  • Regola e riequilibra i livelli di acqua nell’organismo, per il suo buon funzionamento.
  • Riequilibra il Ph delle cellule, sopratutto del cervello.
  • Migliora l’aspetto della pelle, contrastandone l’invecchiamento.
  • Le sostanze nutritive vengono meglio assorbite dall’intestino, garantendo una corretta digestione.
  • Con l’inalazione di acqua e sale rosa si ottengono benefici all’apparato respiratorio.

Tra gli altri benefici migliora il sonno, rinforza le ossa, allevia i crampi, elimina le tossine grazie ad un migliore funzionamento dei reni ed è altamente disinfettante e cicatrizzante.

Il sale rosa dell’Himalaya contiene iodio?

La carenza di iodio crea problemi alla tiroide, in particolare può causare ipotiroidismo (quando gli ormoni tiroidei sono carenti) oppure l’ingrossamento della stessa (il “gozzo”). Lo iodio consente alla tiroide di sintetizzare gli ormoni tiroidei.
Lo iodio, non sintetico, ma naturale, contenuto nel sale rosa himalayano, aiuta a regolarizzare il funzionamento della tiroide, a vantaggio del corretto metabolismo.
Qui lo iodio non viene aggiunto artificialmente: nel comune sale da cucina viene aggiunto iodio sintetico che il nostro corpo non riesce ad assorbire e può causare col tempo gravi danni.

Sale rosa dell’Himalaya: prezzo e dove acquistarlo

Il sale rosa Himalayano ha un sapore molto leggero che non sovrasta il gusto dei cibi ma lo esalta e lo si trova in grani piccoli o grossi.
Si trova nei supermercati, nei negozi biologici, nelle farmacie e presso le erboristerie, ma anche su siti e-commerce online. Provenendo dalla lontana catena montuosa asiatica, ha un prezzo ovviamente più alto rispetto agli altri sali, sicuramente non meno di 3 euro al kg.

 

Immagine: By Hubertl (Own work) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

About Redazione

Check Also

segale cornuta

Segale cornuta i benefici in omeopatia

La segale cornuta: proprietà e benefici omeopatici A volte anche il fungo più cattivo per ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *