Home / Benessere / Karkadè: proprietà e benefici
tisana karkadè

Karkadè: proprietà e benefici

Il karkadè è una pianta, conosciuta anche col nome di Ibisco. Produce dei fiori molto belli, di colore rosso intenso. È proprio in questi fiori, essiccati, che si possono trovare eccellenti sostante nutritive e fito-curative per la propria salute e bellezza.



Il karkadè: principi attivi

I fiori di karkadè sono ricchissimi di vitamina C, che supporta il sistema immunitario e promuove l’ossigenazione della pelle e dei tessuti connettivi: capelli e unghie. Inoltre contiene flavonoidi, utili alla circolazione sanguigna e capillare, e mucillagini, lenitive ed antinfiammatorie per gli organi interni e leggermente lassative.

Proprietà e benefici sulla salute del karkadè

Il karkadè, grazie alla vitamina C contenuta in grandi quantità, supporta il sistema immunitario, rendendo l’organismo più resistente contro l’attacco dei virus. Inoltre, se consumato durante un raffreddore complicato da mal di gola e problemi intestinali, aiuta a lenire i sintomi e velocizza la guarigione. La vitamina C è fondamentale per il corretto metabolismo cellulare quindi influisce anche sulla termogenesi: aiuta il corpo a utilizzare il cibo ingerito come energia e non come deposito adiposo. È quindi utile anche nel controllo del peso.

Inoltre è una sostanza diuretica e lassativa e questo contribuisce a contrastare la ritenzione idrica e la cellulite ed a sgonfiare la pancia. I flavonoidi contenuti nel karkadè sono un vero toccasana per il sistema cardiovascolare: fluidificano il sangue, promuovendone la migliore circolazione e, di conseguenza, il controllo dell’ipertensione. Il sangue più liquido circola agevolmente nelle arterie, nelle vene e nei capillari e non necessita di una forte spinta dal cuore. Questo meccanismo riduce la pressione. Il karkadè, quindi, è un ottimo fitoterapico per gli ipertesi. Infine, il potere disinfettante del karkadè contribuisce, in maniera attiva, a proteggere le vie urinarie dalle infezioni ed è utile nel supporto delle cure tradizionali contro la cistite.

Controindicazioni

Il karkadè non ha nessuna controindicazione, se non si eccede nelle dosi. L’unica eccezione è l’allergia personale, che comunque è molto rara. In gravidanza e in allattamento si può tranquillamente consumare la tisana al karkadè, soprattutto se si soffre di pressione alta, di stitichezza o di cistite o candida gravidica. Trattandosi, però, di una tisana ad alto tasso di vitamine, e che tende a far scendere la pressione, è consigliabile, durante la gestazione, non abusarne ed assumerne solo una tazza all’occorrenza.

Come si prepara la tisana di karkadè?

La tisana di karkadè si prepara utilizzando fiori essiccati e acqua calda. Basta far bollire una tazza d’acqua e mettere in infusione, per 10-15 minuti, un cucchiaio pieno di fiori secchi di karkadè. Si filtra e si beve, calda o a temperatura ambiente. Se lo si desidera, si può dolcificare la tisana con fruttosio, zucchero di canna o miele biologico e aromatizzarla con qualche goccia di limone o con alcuni semi d’anice.

Dove si comprano i fiori di karkadè?

I fiori di karkadè si possono comprare in erboristeria, nelle farmacie che hanno un reparto dedicato alla fitoterapia oppure online. Ecco alcune delle migliori offerte web selezionate per te!

 

About Redazione

Check Also

dieta

Dieta dissociata per dimagrire velocemente

La dieta dissociata è stata teorizzata nel lontano 1931 dal dottor William Howard Hay, e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *