Home / Benessere / CLA e Omega 6, dosi ed effetti indesiderati degli integratori alimentari

CLA e Omega 6, dosi ed effetti indesiderati degli integratori alimentari

L’acido linoleico coniugato, anche conosciuto come CLA, è un isomero del più comune acido linoleico (LA), un acido grasso polinsaturo della famiglia degli omega 6. Viene definito un acido grasso essenziale, in quanto l’organismo umano non presenta gli enzimi deputati alla sua sintesi.

Tali enzimi sono invece notevolmente presenti nei ruminanti, dove l’esistenza di specifici microrganismi è in grado di indurre la reazione necessaria alla sua sintesi: è quindi facile capire come tra le principali fonti vi siano la carne animale e in particolare il latte con relativi derivati. In natura esistono poi delle fonti alternative di acido linoleico coniugato, come l’olio di cartamo o di girasole, che sono alla base della produzione di specifici integratori di CLA.

CLA, Proprietà ed Efficacia

Nonostante la maggioranza dei dati a disposizione sia stata ottenuta con esperimenti in vitro o su animali, cosa che non permette uno studio specifico direttamente applicato degli effetti sul corpo umano, sono emerse sia funzioni preziose che dei limiti:

  • CANCRO: E’ stata osservata un’azione anticancerogena nei confronti di patologie neoplastiche a carico della mammella, del polmone e dell’intestino.

  • SALUTE CARDIOVASCOLARE: L’azione antitrombotica presenta una notevole azione protettiva nei confronti dell’apparato cardiovascolare

  • IMMUNITÀ: L’azione immunomodulatoria del CLA, visibile anche su soggetti sani, comporta sia un minor rischio di reazioni autoimmuni che una protezione più efficace nei confronti di potenziali agenti patogeni

  • COMPOSIZIONE CORPOREA: E’ stata osservata un’azione ripartitiva, responsabile cioè di un calo della quantità di massa grassa in favore di quella muscolare. Quest’azione, particolarmente marcata su modelli animali, si riduce però notevolmente sugli essere umani

  • LIMITI DELL’INTEGRAZIONE CON CLA: Nonostante i benefici di cui sopra, letteratura scientifica e maggiori esperti mondiali rimangono abbastanza scettici nell’indicare l’uso del CLA come integratore alimentare, in parte per la riduzione dell’efficacia riscontrata passando dagli esperimenti in laboratorio all’uomo, e in parte per la presenza di studi che segnalano potenziali ma importanti effetti collaterali:

    • Aumento di biomarker infiammatori, potenzialmente pericolosi per alcuni tipi di patologie

    • Aumento della resistenza all’insulina, soprattutto in alcuni tipi di miscela

    • Aumento dello stress ossidativo

    • Effetto dislipidemico, che si traduce in una riduzione dei livelli di colesterolo HDL, e conseguentemente in un aumento di quello LDL, con un incremento della concentrazione lipidica epatica.

Dosi e Modo d’uso

Come indicazione generale, non si dovrebbe superare la quantità massima di 0,1 g/kg al giorno: va da sé che valutazioni specifiche per ogni soggetto, in base alla propria costituzione, all’attività fisica prevista e al regime dietetico seguito, dovrebbero essere effettuate insieme ad uno specialista.

Data la sua struttura chimica, è meglio assumere un integratore di CLA durante i pasti, così da portare ad un migliore assorbimento, suddividendo la dose giornaliera totale in almeno 3 somministrazioni, compatibilmente con quanto suggerito sia dalla casa produttrice che dallo specialista eventualmente consultato.

Effetti Collaterali e controindicazioni: gli integratori di CLA fanno male?

Di norma l’uso di integratori di CLA è considerato sicuro e ben tollerato dal corpo umano. E’ tuttavia utile precisare che con dosaggi superiori ai 2 grammi giornalieri possono verificarsi reazioni quali nausea e dolore addominale.

Sono presenti controindicazioni nei confronti di soggetti con patologia renale, epatica, cardiovascolare, così come in caso di ipersensibilità al principio attivo.

Precauzioni per l’uso

Data l’assenza di studi a riguardo, l’impiego di integratori di CLA dovrebbe essere evitato in caso di gravidanza, così come durante il successivo periodo di allattamento al seno.

In caso di uso prolungato, al sorgere di dubbi o in caso di effetti indesiderati, è sempre opportuno richiedere il parere del medico.

About alp

Check Also

pancia

Elisir ambrosiano: benefici e utilizzo

Devi sapere che Elisir ambrosiano è un importante integratore alimentare. Questo prodotto è composto da ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *