Home / Benessere / Asciugatrice e benessere: quando, come e perché
asciugatrici

Asciugatrice e benessere: quando, come e perché

L’inquinamento indoor e lo smog che avvelena l’aria esterna inducono molte persone a ricorrere a un elettrodomestico come l’asciugatrice, che per altro si rivela preziosa anche per le abitazioni dalla metratura modesta e prive di balcone. Un prodotto di questo tipo è decisamente utile soprattutto nel corso dei mesi più freddi, quando non si può mettere la biancheria fuori ad asciugare. Non va dimenticato, poi, che la presenza di micro-particolato nell’aria, nelle grandi città ma non solo, è poco igienica per il bucato.

Perché non bisogna stendere in casa

Si potrebbe pensare di stendere i panni in casa, ma anche questa è un’opzione che presenta diversi svantaggi, perché può innescare la proliferazione di acari, di spore e di muffe, con conseguenze negative dal punto di vista dell’apparato respiratorio. L’asciugatrice, insomma, è una valida alternativa rispetto allo stendibiancheria, in modo particolare per i nuclei familiari più numerosi, dal momento che mette a disposizione una capacità più che notevole. In media, infatti, un’asciugabiancheria ha una capacità compresa tra i 7 e i 9 chili. Nel caso in cui si tema di non avere in casa spazio a sufficienza per l’installazione di questo elettrodomestico, si può pensare di installarlo direttamente sopra la lavatrice: sul mercato, infatti, si trovano dei kit per la sovrapposizione concepiti per questo scopo.

La lavasciuga

Un’opzione differente rispetto all’asciugatrice è quella rappresentata dalla lavasciuga: in questo caso si ha a che fare con una minore capacità di asciugatura, in genere compresa tra i 4 e i 7 chili, e proprio per questo motivo si tratta di un prodotto che è raccomandato specialmente per i single, o al massimo per le coppie, oltre che per chi ha bisogno di una soluzione salvaspazio.

Come funzionano le asciugatrici

Per avere un’idea delle tante possibilità di scelta a disposizione di chi vuole comprare un’asciugatrice basta collegarsi alla pagina web https://www.yeppon.it/grandi-elettrodomestici/asciugabiancheria/: qui si può scoprire il catalogo di Yeppon.it per questa categoria di elettrodomestici, con offerte e prezzi vantaggiosi, ma anche informazioni dettagliate che permettono di compiere acquisti consapevoli. Una differenza importante che vale la pena di conoscere è quella tra le asciugatrici a pompa di calore e le asciugatrici a condensazione: nel primo caso i panni vengono asciugati con un compressore a gas refrigerante che può essere paragonato a quello di un climatizzatore, mentre nel secondo caso si sfrutta l’integrazione di una resistenza elettrica con una ventola, grazie alla quale il calore viene distribuito in modo uniforme all’interno del cesto. Nel caso delle asciugatrici a pompa di calore, il calore che viene generato condensa l’umidità che proviene dai panni e la convoglia all’interno di una vaschetta, che al termine di ogni ciclo deve essere svuotata. Una terza alternativa è quella delle asciugatrici a gas, che si differenziano dalle altre (elettriche) proprio perché si basano su un impianto di riscaldamento a gpl o a metano.

Quale asciugatrice scegliere?

Ognuno dei modelli appena visti ha pro e contro che meritano di essere valutati: le asciugatrici a gas, per esempio, vantano la possibilità di asciugare i panni in tempi molto rapidi, e ciò permette di rallentare l’usura; c’è da tenere conto, però, dei costi di installazione elevati, necessari non solo per la realizzazione di una linea del gas nuova, ma anche per la presa esterna per l’espulsione e per la griglia di areazione. Ecco perché non è detto che esse costituiscano sempre la scelta più vantaggiosa.

About Redazione

Check Also

Cos’è un alzatacco, come usarlo e dove acquistarlo.

Avere una buona postura è molto importante per mantenere un corretto allineamento delle ossa affinché ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *